Come immaginavano il futuro negli anni sessanta

Come immaginavano il futuro negli anni 60

In un tempo ormai lontano in cui non c’era internet e le tv erano ingombranti e pesantissime, qualcuno riuscì a prevedere il tablet, l’e-commerce, lo smartphone.

Nel 1967, la Philco-Ford Corporation pubblicò un film intitolato “The Home Of The Future: Year 1999 A.D.”, dove vennero mostrati gli inevitabili progressi tecnologici.

Il film mantiene l’estetica degli anni ’60: cose come la posta elettronica, il banking online, la scuola online, avviene tutto tramite manopole e pulsanti anzichè touch screen e comandi vocali.

Sotto questo punto di vista, sembra averci azzeccato meglio Stanley Kubrick che nel film 2001 Odissea nello Spazio (1968) mostra quello che oggi conosciamo come tablet. Ma fateci caso, Kubrik ha anticipato una rivoluzione che ancora non è completata, e cioè la fruizione dei video verticali per i canali video di informazione. Ad oggi i video verticali professionali vengono usati principalmente per l’advertising, ma non c’è ancora una emittente che trasmetta 24/7 video in verticale, nonostante sia ormai il formato con cui è più facile trovare materiale per il citizen journalism.

…oppure Gene Roddenberry che nella serie “Star Trek” (1966) mette in mano al Capitano Kirk uno strano aggeggio per comunicare, il fantascientifico Communicator, che oggi non abbiamo problemi a riconoscere come uno smartphone con il viva voce.

Potrebbero interessarti anche...

Rimaniamo in contatto? Scrivimi

Angolo Di Visuale è un progetto di comunicazione di Michele Sabella 

Ricevo su appuntamento in Via Delle Puglie, 8, Benevento
Tel:+39 329 7814185 
Segreteria telefonica 39 0824 1716818
Facebook Messenger

Dati fiscali Partita IVA: 01650520628

you360.it Fotografo Michele Sabella

LM202005111530